Blog: http://finanziamenti.ilcannocchiale.it

Prestiti ad Autonomi

Può capitare anche a lavoratori autonomi, in determinate situazioni, di avere bisogno di finanziamenti per svariati motivi: a tale proposito, andare alla ricerca di informazioni sui prestiti a autonomi non è sempre così semplice ed illuminante, anche perché la maggior parte degli operatori finanziari attivi sul mercato dei prestiti, sono soliti erogare prestiti a lavoratori subordinati o pensionati.

In linea di principio, questo tipo di finanziamenti, prevedono solitamente degl'importi massimi erogabili che oscillano tra alcune migliaia di euro fino a diverse decine di migliaia di euro, con dei piani di ammortamento che, a seconda degl'importi, possono prevedere delle rate per un numero di mensilità che va dalle 12 sino alle 72.

I prestiti a autonomi, solitamente, vengono poi erogati nella forma dei prestiti personali o fiduciari (a meno che non si richiedano prestiti finalizzati come i finanziamenti auto), con la particolarità che questi prestiti a autonomi, per essere ottenuti, di regola impongono al lavoratore autonomo una solvibilità accertata, senza che lo stesso sia stato segnalato con protesti od altre menzioni destinate ai cattivi pagatori.
 
È ancora possibile che tra i prestiti a autonomi vengano offerti dei finanziamenti cambializzati, dove, in alcuni casi, il piano di ammortamento potrebbe anche prevedere un numero di rate mensili pari a 120. Qualora il lavoratore autonomo alla ricerca di prestiti a autonomi avesse subito una precedente segnalazione presso il registro della camera di commercio per solvibilità non garantita, lo stesso dovrà adoperarsi per procedere alla cancellazione dell'annotazione, ma soprattutto, dovrà trovare il modo o di consolidare o di risanare i precedenti debiti per potere accedere a nuovi finanziamenti nella forma di prestiti a autonomi.
 
Per poter accedere all'erogazione di prestiti a autonomi, al lavoratore autonomo è richiesta di prassi la presentazione della propria dichiarazione dei redditi, in base alla quale si possa stabilire fino a che punto il finanziatore possa concedere un prestito senza rischi di insolvenza.

Pubblicato il 7/5/2011 alle 9.20 nella rubrica Prestiti.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web